RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO

RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO

Come rimuovere il catrame dalla canna fumaria

Come è possibile eliminare il catrame dalla canna fumaria? Se lo chiede chi ha notato del catrame “infestare” la propria canna fumaria e ha già avvertito un deciso calo delle prestazioni. In effetti il problema è rilevante, in alcuni casi addirittura urgente.

La cattiva notizia è che.. E’ veramente difficile eliminare il catrame. Ma c’è anche una buona notizia: gli interventi professionali sono risolutivi, o almeno dovrebbero esserlo.

Ecco una panoramica del problema catrame, qualche consiglio per prevenirlo e una indicazione sui professionisti cui rivolgersi.

Manutenzione e risanamento della canna fumaria: un problema urgente

Prima di parlare delle questioni relative al catrame, è bene fare il punto sulla manutenzione e sul risanamento della canna fumaria. Anche perché sono due concetti strettamente legati tra di loro o, per meglio dire, uno è la conseguenza dell’altro.

Se non si esegua una manutenzione regolare, prima o poi si dovrà effettuare un risanamento. La manutenzione spesso si riduce a una pulizia periodica, che possa eliminare la fuliggine che si forma con l’utilizzo. Spesso l’intervento coinvolge anche il comignolo, che dev’essere adeguatamente sgombro.

Il risanamento è invece necessario quando il condotto è logoro, i materiali sono deteriorati a tal punto da dover procedere con un intervento massivo, per l’appunto di rinnovamento o sostituzione.

Perché si forma il catrame?

Purtroppo, a volte la fuliggine non è l’unico elemento che grava sulla canna fumaria (anzi, al suo interno) e che può produrre una calo delle prestazioni. Per l’appunto, spesso è necessario vedersela con il catrame.

O almeno è questo ciò che pare alle persone comuni, ai non addetti del mestiere. Infatti, la sostanza che infesta la canna fumaria sembra catrame, ma non lo è. Si tratta del creosoto, un prodotto della distillazione del carbone, molto simile per composizione alla pece. Dunque, il problema riguarda le canne che servono impianti a legna o a pellet.

Ad ogni modo, il creosoto si forma a causa della condensa. Se il combustibile brucia lentamente, produce parecchio fumo questo fumo può produrre condensa, specie se la superficie con cui entra in contatto è fredda.

Il creosoto, o catrame se intendete continuare a chiamarlo così, è molto pericoloso. Di base, può fungere da combustibile. Potenzialmente, quindi, una canna fumaria infestata dal creosoto-catrame può scatenare incendi. Insomma, non è solo un problema di efficienza ma anche di sicurezza.

canna fumaria

Come rimuovere il catrame dalla canna fumaria

Prevenire è meglio che curare. Dunque, prima di pensare a come eliminare il “catrame” dalla canna fumaria, è bene mettere in pratica qualche accorgimento per prevenire la sua formazione.

Ebbene, il segreto sta nel ridurre la quantità di fumo sprigionata dalla combustione. La fase più critica è l’avvio dell’impianto. Se l’impianto, magari il camino, viene acceso in maniera più rapida, la canna fumaria giunge prima a temperatura e non vi è lo scarto termico capace di produrre la condensa, principale causa del catrame-creosoto.

L’altro metodo è agire sulla coibentazione. Se la canna non è fredda, allora non si registra quello scarto termico che, come avrete certamente capito, sta all’origine dei problemi. Se si coibenta la canna fumaria, essa si mantiene a temperatura, e il catrame-creosoto fa fatica a formarsi.

Se il danno è già stato fatto, e la sostanza già infesta la canna fumaria, non c’è molto che il singolo possa fare. D’altronde, anche la rimozione della semplice fuliggine dovrebbe essere off limits per il profano della materia. Occorre l’intervento di un professionista che possa utilizzare prodotti chimici ad hoc, diversi da quelli in uso per la sporcizia di base o la già citata fuliggine.

Si potrebbe utilizzare la diavolina, che è un prodotto chimico che erode la sostanza senza danneggiare la canna fumaria. Molto spesso, però, bisogna procedere meccanicamente, ovvero scartavetrando via lo strato di catrame-creosoto, se questo è abbondante e di vecchia data.

Di certo, è necessario far precedere l’intervento da una indagine accurata. Lo scopo delle indagini pre-intervento è comprendere l’estensione e la gravità del problema, in modo da individuare il modo più rapido ed efficace per intervenire. Nella stragrande maggioranza dei casi, le indagini vengono realizzate con mezzi sofisticati, come telecamere per le videoispezioni.

Perché rivolgersi a EdiliziAcrobatica

Non sono poche le imprese impegnate nella manutenzione e nel risanamento delle canne fumarie. Alcune sono in grado di andare oltre la pulizia, e quindi risolvere problemi dalle conseguenze potenzialmente drammatiche come l’abbondante presenza di catrame.

Poche imprese, però, sono capaci di coniugare un ottimo servizio con un buon prezzo.

Tra queste c’è EdiliziAcrobatica.

L’eliminazione del catrame (o più propriamente del creosoto) dalla canna fumaria è un lavoro da svolgersi in altezza, e noi siamo i “maestri” di questo genere di interventi. Siamo famosi per i lavori sulle facciate, per i quali rinunciamo totalmente a ponteggi e impalcature, abbracciando l’approccio su corda e in sospensione. Tuttavia, siamo esperti anche delle semplici manutenzioni, e anche di quelle meno semplici, come l’eliminazione del catrame, creosoto e sostanze infiammabili dai camini.

Se quindi hai notato una perdita di efficienza nella canna fumaria, e sospetti o sei venuto a conoscenza della presenza di catrame/creosoto, rivolgiti a noi. RICHIEDI IL TUO SOPRALLUOGO GRATUITO, ti contatteremo prima possibile.

Potrebbe interessarti anche

LAVORA CON NOI Vuoi unirti al nostro team? SCOPRI LE POSIZIONI APERTE!

Hanno avuto fiducia in noi oltre 18.000 clienti