Bonus Facciate 2021: cosa è cambiato? Scopri tutti i dettagli

Quali novità per il Bonus Facciate 2021? Fin dalla sua entrata in vigore, avvenuta l’anno scorso, il Bonus Facciate ha raccolto gli entusiasmi dei proprietari di appartamento. D’altronde, non si era mai vista un’agevolazione fiscale che permettesse di recuperare il 90% della spesa. Tuttavia, la misura era stata intesa dal legislatore come emergenziale, un’esperienza difficilmente destinata a ripetersi. Sicché, quando è stata pubblicata la notizia della proroga, in molti hanno tirato un sospiro di sollievo.

Vi è comunque il timore che, insieme alla proroga, siano state stabilite novità in grado di rendere più difficile o meno remunerativo l’accesso al bonus. I timori sono giustificati? Il Bonus Facciate 2021 presenta novità rispetto a quello dell’anno scorso? Ecco le risposte.

bonus facciate 2021 2020

Le novità del Bonus Facciate

La novità più grande è la proroga stessa. Non era affatto scontata, anzi non erano in molti a scommetterci su. I motivi erano almeno due: l’eccezionalità dell’intervento, i cui vantaggi superano tutti quelli relativi agli altri bonus edilizi (eccetto uno); l’entrata in vigore del Superbonus 110%, altra super-agevolazione limitata però a specifici interventi. In qualche modo, appariva eccessiva la contemporanea presenza di due programmi in grado di abbattere e/o azzerare i costi di ristrutturazione.

Fortunatamente, il 2021 ha portato buone notizie in questo senso. Non solo il Bonus Facciate è stato prorogato, ma è stato prorogato in toto, senza apportare modifiche di rilievo. Dunque, il Bonus Facciate 2021 è sostanzialmente identico al Bonus Facciate 2020, almeno nella sua versione successiva al Decreto Rilancio. Per inciso, questo decreto aveva attribuito anche ai beneficiari del Bonus Facciate la possibilità di cedere il credito a una banca o all’impresa edile che realizza i lavori.

Un modo, questo, per abbattere i costi nell’immediato. I beneficiari dunque non recuperano il denaro, ma risparmiano direttamente. Va detto che le banche e le imprese non sono costrette ad accettare il credito, piuttosto è una facoltà che è loro concessa. Una facoltà che molti, per fortuna, si arrogano.

Le uniche novità importanti riguardano alcuni riferimenti normativi e alcuni documenti da allegare. Novità che, tra l’altro, sono non legate esplicitamente al 2021, quanto all’ultima parte del 2020. Lo spartiacque è, nello specifico, il 6 ottobre.

Dunque, se i lavori iniziano da quella data in poi:

  • La normativa di riferimento per i requisiti tecnici è il DM del 6/8/2020 e non più il DM del 19/2/2007.
  • La normativa cui fare riferimento per i valori della trasmittanza finale U è l’allegato E del DM del 6/8/2020 e non più la tabella n.2 del DM del 26/1/2020.
  • É necessario allegare anche il computo metrico.

Qualche info sul Bonus Facciate

É bene fare un recap di quanto offre il Bonus Facciate. In estrema sintesi, questa agevolazione riguarda i lavori di manutenzione ordinaria relativi alle facciate, ovvero a tutte quelle pareti che possono essere osservate dalla strada.

L’agevolazione, a differenza di tutte le altre, non prevede un tetto di spesa e copre ben il 90% della spesa.

É possibile recuperare il 90% di quanto speso attraverso una detrazione IRPEF o IRES da spalmare in dieci anni o, in alternativa, cedere il relativo credito di imposta a una banca o direttamente all’impresa edile che realizza i lavori, se sono d’accordo. In questo caso, si ottiene uno sconto in fattura di entità pari al credito ceduto.

I lavori devono riguardare edifici siti nelle zone A e B e devono essere commissionati dai condomini nel loro complesso, dai proprietari e nudi proprietari, dai titolari di diritti reali di godimento (es. usufruttuari), dagli inquilini, dai comodatari, dalle soci di cooperativi e/o società semplice, dagli imprenditori, se l’immobile non rientra nella categoria “strumentale”.

I chiarimenti su balconi e pareti laterali

Nel corso degli ultimi mesi, l’Agenzia delle Entrate ha contribuito a dirimere alcuni dubbi che erano emersi spontaneamente tra i contribuenti, e che la normativa da sola non riusciva a soddisfare. La maggior parte dei dubbi riguardava i balconi e le pareti laterali.

In particolare, l’Agenzia delle Entrate si è espressa circa il rinnovo degli elementi costitutivi dei balconi, dichiarando che sì, poteva essere compreso nel Bonus Facciate. Nel caso specifico, il contribuente aveva chiesto numi sulla copertura del piano di calpestio del balcone, sulla tinteggiatura delle intelaiature metalliche di sostegno dei pannelli di vetro e sulla stuccatura della parete inferiore del balcone (per ulteriori info, cercate la risposta 289/2020).

Per quanto concerne le pareti laterali, un contribuente aveva chiesto se queste potessero essere oggetto dell’agevolazione, in quanto esse risultavano visibili dalla strada solo dal primo piano in su. Anche in questo l’Agenzia delle Entrate ha dato parere positivo, di fatti aprendo l’agevolazione anche per le pareti laterali solo parzialmente visibili (per saperne di più, leggete la risposta 59/2021).

Infine, una nota circa l’orizzonte temporale. In teoria, il Bonus Facciate dovrebbe terminare quest’anno, a meno di proroghe. Il clima è però incerto, e non sarebbe la prima volta che un’agevolazione non viene rinnovata. Il consiglio, dunque, è di approfittare di questa possibilità il prima possibile.

Noi di EdiliziAcrobatica ci occupiamo anche e soprattutto di facciate. Lavoriamo su corda, in sospensione, senza costosi e fastidiosi ponteggi. Offriamo anche assistenza circa i bonus e accettiamo persino il credito! Dunque, se state pensando di intervenire sulle facciate, non esitate a contattarci.

EdiliziAcrobatica è tua soluzione a portata di mano.

Contattaci al NUMERO VERDE 800. 300. 833 per valutare la fattibilità dell’intervento

Richiedi un SOPRALLUOGO GRATUITO di un nostro tecnico specializzato

Oppure clicca qua e compila il form “Richiedi preventivo”.

E’ un servizio completamente gratuito e consentirà ai nostri tecnici di avere un quadro delle tue necessità e di individuare la soluzione migliore per te.
Sarai ricontattato senza impegno in meno di 12 ore!

Potrebbe interessarti anche

LAVORA CON NOI Vuoi unirti al nostro team? Invia il tuo CV

Hanno avuto fiducia in noi oltre 18.000 clienti